Vuoi scatole sostenibili? Serve una stampa sostenibile

Non c'entrano solo i materiali. Ma anche stampanti e inchiostri

20 Aprile 2021

Generalmente quando si parla di sostenibilità nel mondo del packaging si fa riferimento ai materiali riciclabili. Ma c’è un altro aspetto importante che merita attenzione: la scelta dei metodi di stampa e degli inchiostri.

La sensibilità dei consumatori sui temi ambientali sta inducendo le aziende ad adottare metodi di stampa più ecologici. Nell’industria del packaging si diffondono pratiche comuni: riduzione delle aree stampabili, soluzioni digitali, riduzione degli sprechi. La sostenibilità non passa solo per la rinuncia a materiali inquinanti, come plastica o polistirolo, ma coinvolge in profondità i processi produttivi.

La produzione di scatole diventa più sostenibile: riduzione delle aree stampabili, soluzioni digitali, riduzione degli sprechi

I brand richiedono produzioni sempre più green, più veloci e programmate con breve anticipo. In questo scenario si è inserita la tecnologia digitale: le nuove stampanti velocizzano il processo di produzione, rendono superflui i cliché di stampa e riducono l’impatto delle confezioni. Con le stampanti digitali diminuiscono, tra l’altro, anche gli scarti di produzione e le sostanze chimiche.

Uno dei modelli industriali HP PageWide che utilizzano tecnologia di stampa digitale

Una novità importante è rappresentata dagli inchiostri sostenibili a basso impatto ambientale. Le macchine HP PageWide, ad esempio, utilizzano inchiostri speciali a base acqua, privi di sostanze chimiche reattive ai raggi UV. Gli inchiostri sono senza odore e facilmente compostabili a fine vita.
La definizione di inchiostro “sostenibile” è piuttosto vaga. In questo momento non esistono inchiostri che siano smaltibili al 100%. Esistono però tipologie che offrono un impatto inferiore rispetto alle soluzioni che contengono solventi o petrolio. Tra gli inchiostri più richiesti ci sono quelli realizzati con composti vegetali, perché abbattono la produzione di composti organici volanti (principalmente a base di olio di mais e soia).

Le stampanti “Hp PageWide” utilizzano inchiostri speciali a base acqua, privi di sostanze chimiche, senza odore e facilmente compostabili

Si tratta di innovazioni richieste sempre più spesso dagli stessi produttori: di recente Nestlé ha comunicato nuove linee-guida per la produzione delle sue scatole, mettendo al centro la salute dei consumatori e una produzione a impatto minimo.

Già prima della pandemia, i dati relativi all’economia sostenibile registravano una forte crescita e una nuova consapevolezza ecologica da parte dei consumatori. La stampa digitale e i nuovi inchiostri sembrano rispondere ad un cambiamento profondo nelle prassi delle industrie del settore.

Altri articoli


Notice: Undefined variable: index in /home1/outofthe/public_html/wp-content/themes/presspack/partials/other_articles.php on line 9
Carica Altri